Grafico a zig zag

Grafico a Zig Zag

In alcuni casi le “chiusure” non sono esattamente l’ultimo prezzo fatto, ma un elaborato di esso.

Il grafico a zig zag si ottiene unendo con un segmento gli ultimi prezzi dei titoli o dei contratti.
E’ abitudine dividere le quotazioni in barre o sessioni di diversa durata a seconda del tipo di trading: 15′ minuti, un giorno intero, una settimana… L’importante è sapere che sul grafico a zig zag l’ultimo prezzo battuto nel corso della barra si chiama chiusura e con questi valori si ottiene la nostra raffigurazione.
Il problema di qualsiasi trader che usa questo grafico è riuscire a capire qual’è il trend sottostante.
Capita frequentemente di leggere che piccole variazioni di prezzo possono essere filtrate via perché considerate non significative. Se utilizziamo questa procedura in fase operativa rischiamo solo di complicarci la vita.
Per ovviare a questo errore dobbiamo semplicemente evitare l’effetto ritardo, perché il nostro obiettivo è quasi sempre quello di essere il più tempestivi possibile.

Un altro sbaglio è credere di limitare l’effetto ritardo utilizzando un filtro con una soglia molto minore, ma non è così.
Si potrebbe anche credere che le variazioni da filtrare via non siano quelle conteggiate dalla chiusura di una barra alla chiusura di quella precedente, ma quelle dalla chiusura di una barra alle chiusure di cinque barre prima, ma anche in questo caso il risultato è comunque insoddisfacente.

Un filtro semplice e di chiara interpretazione consiste nel colorare in modo diverso i tratti del grafico con le chiusure in rialzo da quelli con chiusure in ribasso cambiando il periodo di osservazione da una rivelazione all’altra. Portandolo da daily a weekly, naturalmente nello stesso giorno della settimana e alle stessa ora. Così facendo non solo otteniamo un grafico più chiaro e calibrato, ma riusciamo anche ad eliminare le oscillazioni più nervose che avvengono da un giorno all’altro.


Apri un conto demo e ricevi 25 euro in regalo. Registrati subito

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedInShare on Reddit
Social tagging:

Comments are closed.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti, rispettando la privacy dei tuoi dati e secondo le normative europee. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie Informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi